Glossario Economico Finanziario

A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z


PAC
Il Piano di Accumulo del Capitale è una formula di investimento in quote di un fondo comune secondo un piano di versamenti periodici.

Password
E'una sequenza di caratteri alfanumerici utilizzata per accedere in modo esclusivo ad una risorsa informatica o per effettuare operazioni di cifratura. In italiano si potrebbe pure tradurre con “parola chiave”, “parola d’ordine”, o anche “parola d’accesso”.

PAYOUT-RATIO
E' un indicatore che misura il rapporto fra dividendi distribuiti e utili netti d'impresa. Scopo dell'indice è dare un quadro di riferimento per valutare le scelte strategiche dell'impresa in ordine al finanziamento dei propri investimenti. Per l'investitore, l'indice costituisce un valido indicatore circa il rendimento del proprio investimento.

Pegno
E'un diritto reale di garanzia su un bene altrui, che serve come garanzia di un credito. Nell’ordinamento italiano è regolato dagli articoli 2784 e seguenti del Codice Civile.

Performance

Rendimento, prestazione; nel gergo finanziario indica il guadagno o la perdita di un prodotto finanziario, un'impresa o una società di fondi comuni in un determinato periodo di tempo.

Pignoramento
Consiste nella ingiunzione che l’uffi ciale giudiziario fa al debitore di astenersi da ogni atto diretto a sottrarre i beni che sono posti garanzia del credito espressamente indicato.

PIL (Prodotto interno lordo)
Corrisponde al valore di tutti i beni e servizi finali prodotti in un Paese in un determinato periodo. È il principale parametro di ricchezza di uno Stato.

PIN
Il Personal Identification Number è un codice personale segreto fornito dalla Banca o da una Società Finanziaria ai Clienti che vogliano usufruire di servizi quali Bancomat, Pagobancomat, Visa o Cirrus e Maestro o altri o per accedere ai servizi di Home banking tramite Internet.

PIP
Acronimo di Percentage In Point che indica il piu piccolo accrescimento del valore del tasso di cambio di una determinata divisa. Il PIP è la più piccola unità di misura di un prezzo forex ed è rappresentato praticamente dal quarto numero decimale che va a definire quanto vale una moneta rispetto ad un'altra. Se, ad esempio, ipotizziamo di acquistare una coppia di valute che abbia un valore di 1,4650 e, dopo un determinato periodo, tale valore salga a 1,4655, allora il guadagno in PIP che si è realizzato è di 5 PIP, ovvero la differenza tra i due prezzi.

Pip
I piani individuali pensionistici (Pip) sono particolari forme di assicurazione sulla vita di natura previdenziale e regolate dalla Covip (Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione). Costituiscono quello che viene definito il "terzo pilastro" delle pensioni, pensato per integrare la pensione pubblica obbligatoria (il primo pilastro) e i fondi pensione (il secondo pilastro). Un risparmiatore può utilizzarli nel corso della propria vita lavorativa per accumulare un capitale che andrà a generare una rendita integrativa della pensione.

Plusvalenze
Guadagni risultati dalla differenza tra il valore di realizzo e il prezzo di acquisto di Azioni, Titoli di Stato, Obbligazioni, Derivati, cessione a termine di valute e metalli preziosi e cessione di crediti. Le plusvalenze sono compensabili con le Minusvalenze subite per un periodo di 4 anni.

Polizza assicurativa
È il certificato rilasciato da un’assicurazione al proprio cliente, col quale si indicano i rischi coperti dal contratto stipulato.

Ponderazione
L’attribuzione di un peso relativo, all’interno di un indice, ai singoli titoli che concorrono a determinare il valore dell’indice.

POS (Point Of Sale)
E' lo strumento elettronico utilizzato nei negozi, e in tutti gli esercizi commerciali in genere, che consente di effettuare pagamenti tramite carte di credito o bancomat.

Posizione Corta
Si determina quando gli speculatori vendono un investimento che non possiedono. A meno che la posizione corta non sia stabilita su una Borsa Future, gli investitori avranno bisogno di mutuare l'investimento da fornire alla controparte che l'abbia comprato da loro. Il "short seller" (venditore allo scoperto) dovrà quindi fornire una garanzia reale al momento del prestito delle azioni ( o di qualsiasi altra tipoliga di investimento).

Posizione Lunga
Così viene definita una posizione di acquisto ovvero un investimento di proprietà.

Prezzo a pronti
Prezzo del titolo registrato sul mercato nella giornata di riferimento.

Prezzo di mercato
È il prezzo di un titolo rilevato quotidianamente sul mercato finanziario.

PRICE/BOOK VALUE
E' il rapporto tra prezzo e patrimonio netto che viene utilizzato insieme al P/E in alcuni settori, come l'assicurativo, il bancario e il finanziario in cui le aziende sono fortemente patrimonializzate e la redditività non è facilmente identificabile. Il P/BV serve ad indicare quante volte il mercato valuta la differenza tra attività e passività di bilancio.

PRICE/CASH FLOW
E' il rapporto tra prezzo unitario dell'azione e flusso di cassa per azione. Al denominatore, oltre all'utile per azione, viene incluso il valore degli accantonamenti per azione. Il cash flow generato dall'azienda è un indicatore fondamentale della sua capacità di generare valore.

PRICE/EARNING RATIO (P/E)
E' il rapporto tra il prezzo dell'azione e l'utile atteso per azione ed è l'indicatore più usato per evidenziare la convenienza di un'azione (o anche di un indice). Tendenzialmente, più il P/E è elevato e più l'azione è sopravvalutata, ma per fare delle valutazioni bisogna fare dei confronti con i competitor o con le medie storiche. Occorre poi considerare che non esiste un valore ottimale di riferimento, infatti, il P/E varia a seconda dei settori e a seconda delle Borse. Per una più corretta valutazione è importante che a denominatore sia espresso l'utile atteso, piuttosto che quello storico. Alcuni economisti preferiscono calcolare un utile normalizzato anzichè quello storico.

PRICE EARNIG TO GROWTH (PEG)

E' un indicatore che definisce il rapporto tra il price/earning e il saggio di crescita degli utili di una azienda previsto in un arco temporale definito. Il saggio di crescita fa riferimento agli utili inseriti a denominatore nel multiplo P/E e deve essere espresso con un numero intero.

Pricing
Procedura di determinazione del prezzo di collocamento dei titoli.

Primary Dealer

Termine utilizzato per definire i principali operatori dell'Mts. Per essere considerati primary devono possedere determinati requisiti ed essere iscritti a un apposito elenco tenuto dalla Banca d'Italia.

Prime Boker
divisione di una banca di investimento (Investment Bank) che eroga servizi bancari agli hedge fund.

Private Banking

Servizio offerto dalle banche ai loro migliori clienti, che possono godere di una consulenza su diversi campi (finanziario, legale, amministrativo, ecc.).

Procedure Concorsuali
Sono procedure giudiziali che vengono attuate quando nello svolgimento dell’attività d’impresa l’imprenditore si trovi in una particolare condizione economico-fi nanziaria che gli impedisca di poter far fronte al pagamento dei debiti. Tale particolare condizione di crisi realizza quello che viene defi nito “stato di insolvenza” dell’imprenditore, che consiste, appunto, nella sua impossibilità di adempiere regolarmente alle obbligazioni contratte.

Protesto
E' un atto giuridico, in forma scritta, con il quale un pubblico ufficiale accerta l’avvenuta presentazione di una cambiale o di un assegno al debitore (protestato) e il rifiuto da parte dello stesso di pagare o accettare il titolo. In quanto redatto da un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni, il protesto è atto pubblico. La disciplina fondamentale del protesto è contenuta negli artt. 51-73 del R.D. 1669/1933 per la cambiale e negli artt. 45-65 del R.D. 1736/1933 per l’assegno.

Prodotti derivati

Ampia categoria di strumenti finanziari il cui valore deriva da quello di un altro bene finanziario al quale si riferisce (vedi attività finanziaria sottostante, opzione, future, warrant).

Prodotto Strutturato
Investimento, o strategia di investimento, tipicamente venduto con alcuni elementi di protezione del capitale e/o di leva finanziaria per dare una maggiore esposizione al mercato sottostante. I prodotti strutturati vengono venduti dalle banche di investimento e possono, ad esempio, prevedere una combinazione di obbligazioni a cedola zero, con scadenza concomitante a quella dei prodotti strutturati a cui si riferiscono, e "call option" sul mercato sottostante o, invece, una strategia dinamica che adegua l'esposizione all'investimento sottostante supportata da titoli di stato per garantire che la banca emittente sia in grado di onorare il rimborso del capitale alla scadenza.

Promotore finanziario
Operatore che esercita professionalmente le attività di intermediazione finanziaria in qualità di dipendente, agente o intermediario.

Put Option
Contratto che conferisce il diritto di vendere un investimento specifico a una determinata data futura ad un prezzo prestabilito.

10 principi base Investi i tuoi risparmi con intelligenza
per accompagnarti nelle tue scelte di investimento

© Copyright 2010 Educazione Finanziaria.it - Contatti - Disclaimer